Papa Francesco: “Possiamo pensare Dio così, una famiglia riunita a tavola”

In occasione dell’Angelus del 4 giugno 2023 Papa Francesco ha parlato del valore della relazione che si crea intorno ad una tavola, con una immagine di straordinaria efficacia. Ho già pubblicato delle belle riflessioni del Santo Padre su questo tema che evidentemente gli è caro. Proprio il giorno nel quale è partito il progetto del mio blog, l’11 novembre 2015, il Papa ha dedicato l’udienza del mercoledì al tema del valore della convivialità in famiglia, definendola «un termometro sicuro per misurare la salute dei rapporti.»

Continua a leggere

Candidatura Unesco per la cucina italiana

Siamo pienamente consapevoli del grande valore della cucina italiana e con grande soddisfazione accogliamo quindi la notizia che il Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, rappresentato dal Ministro Francesco Lollobrigida, e il Ministero della Cultura, rappresentato dal Ministro Gennaro Sangiuliano, lanciano la candidatura UNESCO della cucina italiana alla Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. E’ molto bello che si metta in gioco anche il Ministero della Cultura, perché la tavola è cultura, è arte.

Continua a leggere

Una tavola che nutre non solo il corpo ma anche l’anima

Nel mese di aprile 2023 è stata inaugurata la nuova mensa della Caritas di Casale Monferrato, un’istituzione pronta a dare aiuto a chi ne ha tanto bisogno. La cronaca della giornata dell’inaugurazione, pubblicata sul giornale diocesano “La Vita Casalese”, racconta quello che i volontari stanno facendo da un punto di vista strettamente materiale ma sottolineando con decisione che quelle tavole sono anche occasione di relazione, di umanità, per donare non solo un pasto caldo ma anche affetto e amore. Ecco le testimonianze di alcuni volontari, che mi hanno profondamente commosso.

Continua a leggere

Monache e monaci in cucina: un successo anche televisivo

I monasteri sono luoghi di grande cultura gastronomica: diamo quasi per scontato che quanto proviene dalle abbazie sia non solo buono ma anche genuino, naturale, di ottima qualità. Cavalcando l’onda di questo comune sentire, il canale TV Food Network ha deciso di dare spazio nel suo palinsesto a due programmi dedicati alla cucina monastica, che stanno ottenendo un grande successo. Davvero una bella soddisfazione, considerando che quel canale propone le ricette di chef molto noti al grande pubblico come Benedetta Rossi, Csaba Dalla Zorza, Luca Pappagallo e Antonino Cannavacciuolo.

Continua a leggere

Grasso o magro? Tra eccessi e manie, cerchiamo un sano equilibrio

Nella mia ben fornita biblioteca di storia e cultura della tavola non mancano naturalmente i libri di ricette. Tra quelli storici, accanto all’Artusi c’è Il Cucchiaio d’Argento, che nel frontespizio reca come sottotitolo: Il libro fondamentale della cucina italiana. Possiedo la terza edizione, quella del giugno 1951. Mio figlio e mia nuora quando si sono sposati hanno ricevuto in dono la nuovissima edizione totalmente riveduta e trasformata rispetto alle prime e sfogliandola mi sono resa conto di quanti cambiamenti ci siano stati nella cucina italiana in questi 70 anni. In particolare mi ha fatto sorridere scoprire che, nella nuova edizione, è totalmente sparito un capitolo che è invece presente nella mia: Contro l’eccessiva magrezza. Ecco come è introdotto quel capitolo: «Le persone troppo magre non hanno resistenza sufficiente nel loro lavoro e spesso sono brusche ed irritabili perché i loro nervi non sono sufficientemente protetti: donde la necessità di rimpolpare ragionevolmente un corpo sfornito di grasso. La magrezza eccessiva dimostra sempre che nell’organismo c’è qualche cosa che non funziona a dovere». A seguire, le ricette per un bel regime ingrassante.

Continua a leggere

Carne sintetica? Il Governo italiano dice no

Evviva, una vittoria per la buona tavola, per gli allevatori e per l’ambiente. Dopo tanto parlare di insetti nei piatti, di etichette che ci raccontano che il vino fa male, ci mancava solo la propaganda a favore della carne sintetica. Per fortuna il Governo italiano il 29 marzo 2023 ha approvato il divieto di produzione e commercializzazione di alimenti e mangimi sintetici. Esulta la Coldiretti: la decisione del Governo «salva 580 miliardi di euro di valore della filiera agroalimentare nazionale» ma prima ancora, vorrei dire, salva il valore della buona tavola, tutela la nostra salute, la natura e una cultura alimentare plurimillenaria.

Continua a leggere

Gesù a tavola: occasione di amore e incontro. E spezziamo una lancia in favore di Marta!

La storia dell’umanità è da sempre anche storia del cibo, quello che c’è e quello che manca, quello procurato con il sudore della fronte, donato, ricevuto per amore, condiviso con i familiari, gli amici o gli ospiti inattesi. Ma anche quello che diventa motivo per dichiarare guerra, rubato con saccheggi, il cibo agognato nel deserto o in tempo di carestia. Il mondo della tavola ha sempre influenzato le scelte dell’uomo, caratterizzato il suo cammino e segnato profondamente la sua cultura, il suo rapporto con il prossimo, il tempo del lavoro e quello della festa. Nel piatto non c’è solo un aspetto nutritivo e materiale, ma anche simbolico e culturale.

Continua a leggere

Che bello stare a tavola con i bambini!

Nello spogliatoio della palestra intercetto una conversazione tra due giovani amiche. Una di loro, che fa la baby-sitter a due fratellini, si lamenta del fatto che non stanno seduti a tavola: prendono il piatto, si mettono sul divano e pretendono di mangiare guardando la TV. Lei ne ha parlato con la mamma dei bimbi e questa le risponde che va bene così, “basta che mangino”. La ragazza se ne lamenta con l’amica: «Si mangia a tavola! A casa mia si mangia seduti a tavola tutti insieme!». Avrei voluto abbracciarla. Che bello che ci siano ancora dei giovani che hanno queste buone abitudini. Purtroppo in tante famiglie il rito della convivialità è andato perduto, dimenticando che intorno ad una tavola nutriamo non solo il corpo ma anche l’anima.

Continua a leggere

Gli gnudi, ovvero: il raviolo senza la pasta

Il 2016 è stato un anno pieno di sorprese, che ha portato molti cambiamenti nella mia vita. Gli gnudi sono legati ad un momento particolare: mio marito ed io nel mese di novembre andiamo a Firenze, non per turismo ma per un appuntamento da un notaio. Una cosa seria, nei confronti della quale avevamo anche un po’ di trepidazione. Per non rischiare di arrivare in ritardo, a causa di qualche spiacevole contrattempo, prendiamo il treno con largo anticipo e arriviamo alla stazione di Santa Maria Novella all’ora di pranzo. Accidenti, adesso per ingannare l’attesa ci tocca andare a mangiare in una trattoria toscana. Dura la vita.

Scegliamo un locale vicino allo studio notarile. Ci accomodiamo e noto subito che si tratta di un ambiente ruspante, con tovaglie a quadrettoni e su ogni tavolo un bel fiasco di Chianti, di quelli con la paglia. Alla parete, un cartello che invita con decisione a non chiedere la cottura della Fiorentina secondo gusti personali, men che meno ben cotta! La Fiorentina si fa come si deve fare e basta.

Continua a leggere

La cucina italiana è la n° 1 al mondo

Vox populi, vox Dei”, diceva un saggio proverbio. Il sito internet www.tasteatlas.com ha pubblicato la classifica delle migliori cucine del mondo in base ai voti del pubblico. Al primo posto, l’Italia. Al secondo la Grecia e al terzo la Spagna: cucina mediterranea sul podio. La Francia è all’ottavo posto, a pari merito con Stati Uniti e Perù (i nostri cugini d’Oltralpe ci saranno rimasti molto male). A questo link potete leggere la classifica completa https://www.tasteatlas.com/best/cuisines

Continua a leggere