Lo chef vegano bocciato dai clochard

Oggi vi segnalo un articolo interessante, a commento di un fatto accaduto a Bologna: Simone Salvini, uno chef vegano, è stato invitato a cucinare alla mensa dei poveri dell’Antoniano ed è stato criticato da alcuni senzatetto, che non hanno gradito la sua cucina, giudicata troppo “light”.

C’è chi sceglie la cucina vegetariana o vegana come stile alimentare, per le ragioni più diverse e certamente rispettabili. Vi è però spesso il rischio che questa scelta, da un punto di vista culturale, sia influenzata da una linea di pensiero “di moda”, fortemente influenzata da un approccio ideologico, di stampo ecologista e animalista. Continua a leggere